Visualizzazioni totali

Amici

venerdì 26 giugno 2009

Spinning


Ieri sera, alle 20 e poco più ho iniziato l'ultima lezione di spinning della stagione 2008/2009. Sarà che a questa disciplina ci sono affezionato particolarmente (in fondo sono più di 10 anni che mi esibisco in sella...), sarà che mi ha sempre regalato grandi soddisfazioni, che mi ha tenuto in forma anche quando non potevo correre, ma un po' mi dispiace. Solo un po', è vero, perchè in effetti sono arrivato vicino al limite, non ne potevo quasi più, questa stagione ho veramente fatto un sacco di lezioni, però, sotto sotto so già che mi mancherà...
Che "viaggio" abbiamo fatto.... beh, qualche minuto di riscaldamento con una pianura ritmicamente ben scandita, non troppo veloce, da godersi con una leggera resistenza, che andava lentamente ad aumentare nel tempo, fino a condurci ad una prima asperità importante, 15 minuti di ascesa, a tratti ripida, a tratti più dolce (fondamentale giocare con la resistenza), fino ad arrivare agli ultimi due minuti, dove un sound orientaleggiante ci trascinava ad una intensità vicina al 90% del massimo. Nel recupero, in pianura, lenta, "soffice", con qualche piccolo salto, abbiamo ripreso contatto con il nostro corpo, respirato l'energia e le emozioni scaturite dalla fatica precedente, preparandoci così ad una nuova salita. Quasi nove minuti, trascinati da un ritmo travolgente/sconvolgente, in crescita costante abbiamo raggiunto, quasi in estasi, la vetta, ad una intensità piuttosto elevata. Gli ultimi dieci minuti li abbiamo corsi su una distesa pianeggiante, trascinati dalla carica accumulata, chiudendo gli occhi e volando via.... liberi. C'è stato il tempo per esibirci, proprio sul finale, in due minuti di jump, estremamente dinamici, di cuore, di coraggio, insomma proprio da ultima lezione! La strada, rimasta pianeggiante, ci ha condotti, ora con tranquillità, verso casa, in un defaticamento molto soft, ideale per entrare in contatto profondo con il nostro corpo, stanchi, ma felici...

7 commenti:

  1. "E' tutto il giorno che tira un'aria nostalgica, e so già che durerà ancora per qualche tempo..". Caro Doc, l'intensità di ciò che scrivi mi sorprende continuamente regalandomi puntualmente un'emozione particolare. Nel viaggio di ieri sera ti ho accompagnato anch'io, condividendo lo stesso stato d'animo per ogni pianura, salita e vette raggiunte.
    Ci hai poi condotti verso casa, uno per uno, come dici tu, stanchi, felici e consapevoli di essere migliori. Si, e così. Perchè certe emozioni ti migliorano. E' difficile fare a meno di questi "viaggi" insieme, ma è anche vero che a questo punto dell'anno diventa per te doverosa una sosta. Tu che sei sempre in prima fila. Con le tue passioni. La tua determinazione. Tu, che non lasci mai niente al caso. C'è chi sostene che il valore di ogni essere umano, uomo o donna che sia, è determinato dalle persone di cui si circonda. Io ho avuto la fortuna di incontrarti sulla mia strada e hai saputo essere un grande maestro. Un maestro di vita.
    Riposati "guerriero"... A presto.

    RispondiElimina
  2. Assolutamente doc,assolutamente guerriero,assolutamente un garnde maestro....sempre....Mara

    RispondiElimina
  3. Grazie Mire...
    Ciaooo Mara. Ti rivedrò a combattere con me?
    Spero di si. A presto

    RispondiElimina
  4. Sullo spinning non posso parlare, ma sapessi quanto mi manca combattere...

    RispondiElimina
  5. Ciao Frenc. Aspetta ancora un paio di mesi, poi vedrai, ci penserà Diego a farti combattere... sul serio... :-)

    RispondiElimina
  6. si...mi rivedrai.....spero tanto a combattere...al massimo,a fare ginnastica della teraza eta'... :-)))))) ma sempre in paletsra da te! Ciao ciao e...complimenti per la scelta della corsa mattutina....solo un vero guerriero puo' fare queste scelte cosi ardita,nonostante quei 3 minuti di sonno in piu' che ti concedi!!1
    saluti a tutti! Mara

    RispondiElimina